Lis moi avec webReader

L’Osservatorio Europeo sulla Non discriminazione e sui Diritti Fondamentali combatte tutte le forme di discriminazione, nell’Unione europea e in tutto il mondo.

L’Osservatorio Europeo sulla Non discriminazione e sui Diritti Fondamentali sostiene attivamente a livello delle istituzioni dell’Unione europea (Commissione europea, Parlamento europeo, Consiglio dell’Unione europea…) la democrazia partecipativa dei cittadini dell’Unione europea, in modo che tale cittadinanza europea sia garantita dalle diverse disposizioni del Trattato dell’Unione europea e da quelle del Trattato sul Funzionamento dell’Unione europea.

L’Osservatorio Europeo sulla Non discriminazione e sui Diritti Fondamentali sostiene in particolare a livello delle Istituzioni europee:

1/ Il divieto di discriminazione, come garantito in particolare dall’articolo 14 della Convenzione per la Salvaguardia dei Diritti dell’Uomo e delle Libertà Fondamentali, e il diritto alla libertà, il diritto alla sicurezza, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge, il diritto alla diversità culturale, religiosa e linguistica, come garantito in particolare dagli articoli 6, 20, 21 e 22 della Carta dei Diritti Fondamentali dell’Unione europea:

« Articolo 6 – Diritto alla libertà e alla sicurezza

Ogni individuo ha diritto alla libertà e alla sicurezza. »

« Articolo 20 – Uguaglianza davanti alla legge

Tutte le persone sono uguali davanti alla legge . »

« Articolo 21 – Non-discriminazione

1. È vietata qualsiasi forma di discriminazione fondata, in particolare, sul sesso, la razza, il colore della pelle o l’origine etnica o sociale, le caratteristiche genetiche, la lingua, la religione o le convinzioni personali, le opinioni politiche o di qualsiasi altra natura, appartenenza ad una minoranza nazionale, il patrimonio, la nascita, gli handicap, l’età o le tendenze sessuali.

2. Nell’ambito d’applicazione del trattato che istituisce la Comunità europea e del Trattato sull’Unione europea è vietata qualsiasi discriminazione fondata sulla cittadinanza, fatte salve le disposizioni particolari contenute nei trattati stessi. »

« Articolo 22 – Diversità culturale, religiosa e linguistica

L’Unione rispetta la diversità culturale, religiosa e linguistica. »

2/ I diritti fondamentali che sono in particolare il diritto alla dignità della persona umana e il diritto all’integrità della persona umana come garantito in particolare dagli articoli 1 e seguenti della Carta dei Diritti Fondamentali dell’Unione europea:

« Articolo 1 – Dignità umana

La dignità umana è inviolabile. Essa deve essere rispettata e tutelata. »

« Articolo 3 – Diritto all’integrità della persona

Ogni individuo ha diritto alla propria integrità fisica e psichica.

Nell’ambito della medicina e della biologia, devono essere rispettati in particolare:

  • il consenso libero e informato della persona interessata, secondo le modalità definite dalla legge,
  • il divieto delle pratiche eugenetiche, in particolare di quelle aventi come scopo la selezione delle persone,
  • il divieto di fare del corpo umano e delle sue parti in quanto tali una fonte di lucro,
  • il divieto della clonazione riproduttiva degli esseri umani. »

3/ Le libertà fondamentali come la libertà di pensiero e la libertà di coscienza, come garantito in particolare dall’articolo 9 della Convenzione per la Salvaguardia dei Diritti dell’Uomo e delle Libertà Fondamentali e l’articolo 10 della Carta dei Diritti Fondamentali dell’Unione europea:

« 10.1. Ogni individuo ha diritto alla libertà di pensiero, di coscienza e di religione. (…)

10.2. Il diritto all’obiezione di coscienza è riconosciuto secondo le leggi nazionali che ne disciplinano l’esercizio. »